Durante l’ultima missione di We Are a Kilis, lungo il confine turco siriano, il nostro referente, Zakarya ci ha fatto pervenire questo disegno realizzato dai bambini del campo profughi di Al Nour dove da circa 8 mesi esiste il nostro progetto “WE ARE SCHOOL”.
Un campo scuola di 10 classi che accoglie circa 400 bambini.
Volevamo garantire a questi bambini un futuro con più opportunità e un presente diverso dove l’educazione ed il gioco si sostituivano, da protagonisti, alla guerra e alla soppressione di libertà che molti di loro vivono fin dalla nascita.

Pensavamo e speravamo che questa condizione fosse la premessa più utile per lanciare un messaggio di speranza e infondere fiducia a chi è costretto a vivere in un contesto di  grandi limitazioni infrastrutturali ed intellettuali.

Volevamo fortemente questa scuola per educare i bambini alla vita, alla pace e alla solidarietà.
Ancora una volta, proprio quei fanciulli, ci hanno dimostrato che messi nella giusta condizione hanno un potenziale tale da superare ogni avversità e da studenti diventano insegnanti e modello di quei valori universali che dovrebbero essere il pilastro portante di ogni società umana.

Il disegno che ci hanno inviato rappresenta la Siria e ognuno di loro ha firmato la propria presenza con un colore.
Questo disegno fa riflettere più di un discorso e di tante foto.
Come sempre i bambini ci raccontano la realtà e i desideri nel modo più semplice possibile: la loro amata terra dove il nero, associato al terrore e alla morte, è sostituito da tanti punti colorati a simboleggiare la vita nelle sue sfumature più belle.
Impossibile non raccogliere questo messaggio.
Spesso consideriamo la Siria come un territorio dove esiste la guerra, i jihadisti e l’ISIS. Di fatto è così.
Questo disegno però ci ricorda, ed è nostro dovere gridarlo al Mondo, che in quella terra vivono e sperano centinaia di migliaia di bambini la cui sorte e i loro desideri dipendono, oltre che dalla cattiveria e dall’egoismo dell’uomo, anche dal nostro sguardo e dalle nostre azioni che in tanti modi possono trasformarsi in aiuti concreti a migliorare il loro futuro.